lunedì, 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
spot_imgspot_img
spot_img

Caldo ad aprile e già brucia il catanzarese, ma non solo. Quale la risposta, sollecitata pure da Uncem?

D'accordo l'innalzamento delle temperature, però i 24 gradi delle zone montuose nel weekend non possono giustificare lo… scoppio di diversi roghi. Urge quindi un piano di emergenza

spot_imgspot_img
spot_img

Sabato e domenica è bruciato il catanzarese, ma non solo. E le alte temperature fuori media del periodo, siamo solo alla metà di aprile, non possono essere considerate l’unico detonatore di una bomba potenzialmente devastante: ecologica oltreché socioeconomica, minando incolumità fisica e produttiva o patrimoniale di intere comunità. Perché i roghi che già nel weekend appena trascorso, a oltre due mesi dall’ingresso dell’estate… canonica, sono divampati in quasi tutta la Presila della provincia di Catanzaro, da Sersale a Taverna, sono un mix tra vari fattori.

Caldo eccessivo (ma non stavolta, poiché comunque in alta collina le temperature non hanno superato i 24 gradi che non sono certo una canicola infernale); opera di qualche balordo; incuria nella pulizia di rovi e sterpaglie che una volta accesi divampano con grande facilità e scarsa prevenzione. Ovvio, quindi, che tutti richiamino la campagna antincendi (dolosi innanzitutto) varata un anno fa dal governatore Roberto Occhiuto, addirittura con l’ausilio dei droni. Strumenti, talvolta efficacissimi, che hanno inesorabilmente individuato, dal cielo, un bel po’ di piromani e irresponsabili. I quali magari stavano appiccando il fuoco per interesse personale su piccole porzioni di terreno, salvo poi scatenare incontrollabili fiammate. Che, come noto, con il gran caldo e dei boschi ‘secchi’ diventano dei veri e propri ordigni. Ma il punto non è soltanto la programmazione occhiutiana e la sua buona riuscita.

Semmai lo è, anche e soprattutto, l’inadeguatezza (se non l’inesistenza) dei piani antincendio locali. Di Comuni che né da soli, ma sarebbe oggettivamente complicato per gli scarsi mezzi a disposizione, né in forma consorziata, per fronteggiare il grave problema, hanno i mezzi per rispondere a emergenze del genere. E sarebbe invece il caso che una rete del genere fosse costituita, in particolare nelle zone più a rischio ovvero con luoghi abitati nei pressi di campagne e aree boschive. Una pianificazione che offrirebbe un’importante arma in più in una lotta ardua da condurre. Ecco perché, ad esempio, è da tempo che l’Unione dei Comuni ed Enti montani (Uncem) ha preparato un questionario ad hoc e tentato di confrontarsi con sindaci e amministratori del territorio. Ma che non sono parsi molto interessati alla delicata faccenda, forse ‘distratti da altro.

LEGGI ANCHE:

“I Parchi Marini calabresi come motore di sviluppo”: successo a Praia a Mare

Aree protette quali chiavi per il progresso dell’intera regione. Questo è il messaggio chiave emerso dal panel "I Parchi Marini Calabria: un contributo allo...

Philene chiede chiarezza sui danni ambientali e sanitari a seguito dell’incendio “Poly2Oil” a Palmi

"A seguito dell'incendio "Poly2Oil" a Palmi, Associazione Phîlene esprime, a nome della cittadinanza tutta, forti preoccupazioni sui danni ambientali e alla salute provocati dal...

Inquinamento marino, Arpacal prosegue con le analisi

Anche quest'anno quello del mare inquinato è il tema più discusso dell'estate. Le criticità, purtroppo, non mancano lungo le coste calabresi. Arpacal e la...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img

ARTICOLI CORRELATI