lunedì, 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
spot_img

Cassazione, condanne definitive per i Lobello 

Definitive le condanne per gli imprenditori che erano stati coinvolti nell’operazione “Mafia e appalti a Catanzaro”

spot_imgspot_img
spot_img
spot_img

Diventano definitive le condanne per gli imprenditori Lobello. La Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi confermando la sentenza che era stata emessa dalla Corte d’Appello di Catanzaro nel 2023.  Antonio Lobello è stato condannato a tre anni di reclusione e 5.666 euro di multa, Daniele Lobello a tre anni e quattro mesi oltre a 6mila euro di multa, Giuseppe Lobello ad otto anni e dieci mesi di reclusione. Secondo quanto confermato dalla sentenza di cassazione i Lobello, avrebbero cercato di sottrarre il proprio patrimonio da possibili sequestri dopo che, tra l’altro, alcune loro società erano state attinte da interdittive antimafia emesse dalla Prefettura. Dalle investigazioni dei finanzieri, che si sono avvalsi di intercettazioni e dichiarazioni di collaboratori di giustizia, sarebbe emerso un legame mantenuto nel tempo dalla famiglia Lobello con il clan Mazzagatti di Oppido Mamertina, ma anche il rapporto con il clan Arena e altre cosche del crotonese, tra cui quella riconducibile a Nicolino Grande Aracri. Nel maggio 2021, i finanzieri, coordinati dalla Dda, hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo di beni per un valore di oltre 200 milioni di euro nei confronti dei tre imprenditori.

spot_img
spot_img

LEGGI ANCHE:

Sant’Agata di Militello, centauro perde controllo del mezzo

Un giovane di Torrenova, a bordo di un ciclomotore, ha perso il controllo del mezzo finendo rovinosamente sull’asfalto. Le sue condizioni sono apparse subito...

Attivisti di Ultima Generazione imbrattano parete Ministero Giustizia

Quattordici persone aderenti alla campagna Fondo Riparazione di Ultima Generazione, hanno preso parte “a una azione di disobbedienza civile nonviolenta davanti al Ministero della...

Rovigo, mettono in vendita online tre trattori ma è una truffa

Due giovani calabresi, un 33enne di Reggio Calabria e un 20enne di Cosenza sono stati denunciati dai carabinieri della compagnia di Rovigo, con l’accusa di truffa in...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

ARTICOLI CORRELATI