giovedì, 23 Maggio 2024
spot_img
spot_img
spot_img

Crotone, parte la petizione: i rifiuti fuori dalla città e dalla Calabria

La raccolta firme, lanciata dal comitato “Fuori i veleni – Crotone vuole vivere” è indirizzata ai responsabili delle istituzioni competenti ad impedire lo stravolgimento del piano per la bonifica del sito industriale

spot_imgspot_img
spot_img
spot_img

Dopo la costituzione del Comitato “Fuori i veleni – Crotone vuole vivere”, aperto a tutti i cittadini, costituito in data 4 aprile, parte la raccolta firme su una petizione popolare indirizzata ai responsabili delle istituzioni competenti ad impedire lo stravolgimento del piano per la bonifica del sito industriale di Crotone che prevede lo smaltimento dei rifiuti avvelenati fuori dalla città di Crotone e dalla Calabria. Le iniziative del Comitato, come è stato preannunciato, al momento della costituzione, hanno l’obiettivo di coinvolgere l’intera popolazione attraverso iniziative volte a fare chiarezza sui pericoli e sulle gravi conseguenze per la salute dei cittadini che comporterebbe una falsa bonifica, con il semplice spostamento dei rifiuti tossici e radioattivi, a pochi chilometri nell’ambito del territorio crotonese. Per questo la petizione sulla quale saranno raccolte migliaia di firme online costituisce un primo momento di mobilitazione e allo stesso tempo di informazione dell’opinione pubblica sui gravi rischi a cui sarebbe destinato definitivamente un territorio che già sta pagando in modo amaro in termini di malattie oncologiche la cui incidenza è molto più elevata rispetto alla media italiana, proprio in conseguenza dell’inquinamento ambientale determinato dalle attività industriali ancora non bonificate.

É in gioco è la salute dei cittadini e delle famiglie crotonesi.

Tutte le aree, comprese le zone limitrofe, con Conglomerato Idraulico Catalizzato hanno il suolo e il sottosuolo stracolmo di veleni pericolosissimi, radioattivi come Tenorm e  Norm;  cancerogeni come  l’Antimonio, l’Arsenico, il Tallio, il Cadmio, il Rame, lo Zinco, il Piombo.  Le acque di falda sono avvelenate da Alluminio, Solfati, Nitriti, Antimonio, Arsenico, Ferro, Mercurio e Selenio, etc. tanto da farne il sito più inquinato d’Europa.

Non a caso nella petizione promossa dal Comitato “Fuori i veleni – Crotone vuole vivere” si evidenzia che a Crotone ”il tasso standardizzato di mortalità prematura per malattie croniche mostra, rispetto al riferimento regionale, una crescita del +6,7% nei maschi e del +10,8% per le donne. E per i tumori e le malattie degenerative? Questa è solo la punta dell’iceberg”.

Il testo della petizione si può trovare facilmente attraverso cellulari, computer, tablet al link : https://chng.it/TWbLVR7FyY

Comitato Fuori i Veleni – Crotone vuole vivere.

spot_img
spot_img

LEGGI ANCHE:

Il Comitato “Fuori i veleni Crotone vuole vivere” chiama e Bonelli risponde

Dopo la lettera del Comitato aperto "Fuori i veleni. Crotone vuole vivere" ai parlamentari, il primo a rispondere, con atti ufficiali, è Angelo Bonelli...

Legambiente Serre cosentine propone progetto per contrastare gli impatti sul cambiamento climatico

E' la proposta messa in atto dalle associazioni ambientaliste di Cosenza e hinterland urbano, per contrastare gli impatti del cambiamento climatico, dare nuova vita...

Clausole Specchio per import, Slow Food: ”indispensabili per attuare transizione agroecologica”

Slow Food Italia, il movimento culturale che difende la centralità del cibo e il suo giusto valore, in un ampio e approfondito documento, articolato...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

ARTICOLI CORRELATI