lunedì, 20 Maggio 2024
spot_img
spot_img
spot_img

Età discriminante, esclusi dalle cure efficaci 4 anziani su 10

Un disastro sociale che vede complice un'ingiustizia sistemica e una mancanza di equità nell'accesso alle cure mediche

spot_imgspot_img
spot_img
spot_img

Perché gli anziani sono soggetti a discriminazioni nel contesto sanitario? Diverse sono le motivazioni: stereotipi negativi legati all’età, limitazioni nelle risorse sanitarie e politiche discriminatorie. Per contrastare le forme discriminatorie in campo medico a discapito degli anziani, è stato redatto un documento ad hoc, costituito da dodici azioni contro l’ageismo: la Carta di Firenze, che sottolinea l’importanza di promuovere politiche e pratiche sanitarie inclusive che rispettino la dignità e i diritti di tutte le persone anziane. Rappresenta il primo manifesto mondiale contro l’ageismo sanitario e verrà presentato a Firenze, il 5 e 6 aprile, presso l’Auditorium della Camera di Commercio. Ill congresso “Anti-ageism Alliance. A Global Geriatric Task Force for older adults’ care”, organizzato dalla Fondazione Menarini con il patrocinio della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (Sigg). Sarà presente una delegazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e delle Nazioni Unite, i presidenti delle maggiori società geriatriche italiane e internazionali, e le maggiori associazioni dei pazienti.

La Carta di Firenze

Le 12 azioni proposte nella Carta di Firenze mirano a contrastare pregiudizi e stereotipi che possono influenzare negativamente la qualità delle cure mediche fornite agli anziani. Queste azioni possono includere:

1) Sensibilizzazione e formazione del personale sanitario riguardo all’importanza di evitare l’etàismo nelle pratiche mediche;

2) Promozione di politiche e procedure sanitarie che garantiscono l’uguaglianza di trattamento per tutte le fasce d’età;

3) Coinvolgimento attivo degli anziani nelle decisioni riguardanti la loro assistenza sanitaria;

4) Monitoraggio e valutazione costanti delle pratiche sanitarie per identificare e affrontare eventuali forme di discriminazione legate all’età;

5) Educazione dei cittadini sull’importanza di combattere l’etàismo e promuovere il rispetto e la dignità degli anziani;

6) Sviluppo di programmi di sensibilizzazione e formazione per i giovani professionisti sanitari per promuovere un approccio non discriminatorio nell’assistenza agli anziani;

7) Promozione della ricerca sull’invecchiamento e sulla salute degli anziani per migliorare la comprensione delle esigenze specifiche di questa popolazione;

8) Collaborazione con le istituzioni e le organizzazioni internazionali per promuovere politiche sanitarie inclusive e non discriminatorie;

9)Garanzia di accesso equo e universale alle cure mediche per gli anziani, senza discriminazioni basate sull’età;

10) Rafforzamento delle leggi e dei regolamenti che vietano la discriminazione legata all’età nell’assistenza sanitaria;

11) Sostegno e promozione delle iniziative della società civile e delle organizzazioni non governative che lavorano per combattere l’etàismo;

12) Monitoraggio e rendicontazione regolari sull’attuazione delle azioni proposte nella Carta di Firenze per garantire un progresso costante nel contrasto all’etàismo nell’assistenza sanitaria;

L’allarme dei geriatri

Dopo aver riconosciuto che il servizio pubblico sanitario è in crisi per insufficienza di risorse economiche, i geriatri italiani lanciano un allarme: gli anziani, considerati ”vecchi e costosi”, soffrono di una carenza di assistenza medica, costituendo l’anello debole della catena degli utenti del settore.

Un dato tra tanti, il 40% dei pazienti cardiologici over 85 risulta essere sotto trattato. Se si considera un campione di persone più adulte degli ottantenni, i dati dimostrano che tra cure mediche ed età vi è una relazione inversamente proporzionale.

In alcuni casi sono gli stessi pazienti ad essere rinunciatari, non seguendo le terapie prescritte e rinunciando alla prevenzione, a discapito della salute personale.

spot_img
spot_img

LEGGI ANCHE:

Trenitalia Summer Experience 24: la nuova offerta estiva arriva anche in Calabria

La Summer Experience 2024 del Polo Passeggeri del Gruppo FS – composto da Trenitalia (società capofila) Busitalia, Ferrovie del Sud Est e FS Treni...

Reggio Calabria, il nuovo questore Salvatore La Rosa si presenta alla città

Contento dell'incarico conferito, in una realtà affascinante ed interessante. Sono consapevole che non sarà semplice sostituire un 'gigante' come Bruno Megale. Ho trovato una...

Università, quando gli studi si pagano a caro prezzo

Una ragazza racconta che, per pagare la spesa al supermercato, i libri di testo e una stanza in affitto a Viterbo, ha dovuto lavorare...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

ARTICOLI CORRELATI