lunedì, 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
spot_imgspot_img
spot_img

Inflazione in aumento: l’analisi dei prezzi al consumo nel mese di marzo 2024

L'accelerazione del tasso d'inflazione è principalmente dovuta all'attenuazione della flessione dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati e regolamentati, insieme alla crescita dei Servizi relativi ai trasporti

spot_imgspot_img
spot_img

Nel mese di marzo 2024, l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività registra una variazione congiunturale nulla e un aumento dell’1,2% su base annua, rispetto al +0,8% del mese precedente. La stima preliminare era del +1,3%, in leggero ribasso rispetto al dato effettivo.

L’accelerazione del tasso d’inflazione è principalmente dovuta all’attenuazione della flessione dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati e regolamentati, insieme alla crescita dei Servizi relativi ai trasporti. Al contrario, si registra un rallentamento nei prezzi dei Beni alimentari non lavorati, dei Tabacchi e dei Beni alimentari lavorati.

L'”inflazione di fondo”, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, rimane stabile al +2,3%, mentre quella esclusivamente dei beni energetici decelera leggermente al +2,4%.

La dinamica dei prezzi dei beni mostra una flessione meno marcata e quella dei servizi è in leggera accelerazione, portando a una diminuzione del differenziale inflazionistico tra servizi e beni.

I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona rallentano su base tendenziale, insieme ai prodotti ad alta frequenza d’acquisto.

L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta del 1,2% su base mensile e annua, riflettendo la fine dei saldi stagionali. Anche l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati registra un aumento su base annua.

Nel primo trimestre 2024, l’inflazione misurata dall’IPCA diminuisce per le famiglie con minore capacità di spesa e aumenta per quelle con livelli di spesa più elevati.

In sintesi, l’inflazione a marzo risale leggermente all’1,2%, grazie all’attenuazione dei prezzi dei beni energetici e all’accelerazione dei servizi relativi al trasporto. I prezzi alimentari mostrano un rallentamento e l’inflazione di fondo rimane stabile al +2,3%.

LEGGI ANCHE:

Nuovo record per il debito, verso i 3.000 miliardi

Lo scorso maggio il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 13,3 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.918,9 miliardi, avvicinandosi verso...

Volano i prezzi del gelato, +30% in 3 anni

Volano i prezzi dei gelati che in 3 anni sono rincarati di quasi il 30%. La rilevazione è del Centro di formazione e ricerca...

G7 del commercio in Calabria, Mancuso: “Evento memorabile”

"È di indubbio valore per la Calabria e il Mezzogiorno l'importanza  strategica dell'organizzazione del G7 del Commercio a Villa San Giovanni e Reggio il  16 e...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img

ARTICOLI CORRELATI