giovedì, 23 Maggio 2024
spot_img
spot_img
spot_img

Lavoro sommerso: promozione di una nuova cultura sociale

Si è tenuto in Cittadella un incontro sulle politiche di contrasto al sommerso con il presidente della Commissione anti ‘ndrangheta della Regione Calabria, Pietro Molinaro, e con Benedetto Di Iacovo, segretario generale di Confial nazionale e già presidente della Commissione regionale della Calabria per l’emersione del lavoro irregolare

spot_imgspot_img
spot_img
spot_img

“Il lavoro sommerso è una vera piaga per la nostra Regione. Per far fronte al fenomeno servono non solo controlli ma misure d’intervento specifiche. È un fenomeno che potrà essere contrastato solo ed esclusivamente in rete e in sinergia con le parti sociali, le categorie datoriali, le imprese e le Istituzioni”.

Lo ha dichiarato l’assessore alle politiche per il lavoro e alla formazione professionale, Giovanni Calabrese, nel corso di un incontro sulle politiche di contrasto al sommerso con il presidente della Commissione anti ‘ndrangheta della Regione Calabria, Pietro Molinaro, e con Benedetto Di Iacovo, segretario generale di Confial nazionale e già presidente della Commissione regionale della Calabria per l’emersione del lavoro irregolare.

Durante l’incontro, che si è svolto alla Cittadella regionale, si è discusso delle normative in atto, di quelle da adottare anche in riferimento alla programmazione 2021-2027 e ai dati significativi contenuti nell’XI rapporto predisposto proprio da Di Iacovo e da Domenico Marino, docente di economia presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

L’assessore Calabrese ha ringraziato il presidente e il segretario “per il lavoro di monitoraggio e per gli interventi sulle politiche del lavoro e – ha detto -, principalmente, per le attenzioni riservate alle politiche di contrasto al lavoro sommerso irregolare e a ogni forma di illegalità nel mercato del lavoro calabrese”.

“Il lavoro irregolare in Calabria – ha proseguito l’assessore – coinvolge più del 20% del mercato del lavoro. Lo sviluppo della Calabria, e di ogni comunità, deve basarsi e fondersi sul lavoro e questo può avvenire anche attraverso la promozione di una nuova cultura sociale che riguarda molti fattori: dalla cultura, alla criminalità organizzata, dalla burocrazia alla disoccupazione. La riduzione del lavoro nero in Calabria comporta una approfondita analisi non solo sull’aspetto dei controlli, ma anche le cause socioeconomiche, culturali e istituzionali che stanno alla base del fenomeno. Il Dipartimento regionale lavoro e welfare intende collaborare e tracciare un percorso unitario, avvalendosi del lavoro meritorio che la Commissione per l’emersione ha prodotto negli anni scorsi, in collaborazione con il Centro studi delle politiche economiche e territoriali dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria”.

spot_img
spot_img

LEGGI ANCHE:

Job Day School: una reale opportunità per i giovani calabresi

Più di 800 studenti provenienti da 9 istituti scolastici, e 35 aziende, hanno partecipato al “Job day for school”, momento conclusivo del progetto regionale...

Approvato il nuovo decreto ministeriale sul redditometro

Approvato il nuovo decreto ministeriale sul redditometro che troverà applicazione a decorrere dagli avvisi di accertamento relativi al 2016 (in generale, il 2018, tenendo conto delle...

Il Ministero della Cultura inserisce la Camera di Cosenza fra gli enti beneficiari del 5 per mille

Importante riconoscimento per la Camera di commercio di Cosenza a seguito dell’inserimento nella lista nazionale dei 33 enti beneficiari del 5 per mille 2024...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

ARTICOLI CORRELATI