lunedì, 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
spot_imgspot_img
spot_img

Nel porto di Gioia Tauro ritrovata una nuova specie marina australiana

L’interessante e curioso ritrovamento è avvenuto nelle acque del porto, individuato dalle analisi condotte dall’Arpacal

spot_imgspot_img
spot_img

Si tratta di un crostaceo di piccole dimensioni, proveniente dall’Australia, il singolare rinvenimento. Costanza Lauria, tecnico esperta di monitoraggio degli ambienti acquatici, che ha condotto le ricerche, nel corso delle attività della strategia marina, realizzate da Arpacal attraverso il Centro Regionale. Il suo arrivo sarebbe dovuto all’ingresso nel porto delle navi mercantili.

La specie, identificata come Mesanthura romulea, con un corpo che appare simile a quello di un gambero stretto, lungo circa 1 millimetro costituito da cinque segmenti con estese chiazze dorsali, da marrone a marrone scuro, e una macchia a forma di farfalla sul sesto segmento. Vive nelle acque australiane, e il suo arrivo nei mari italiani si era registrato nel 2009 nei porti di Taranto e Salerno, e poi, nel 2011 nell’isola d’Ischia, per poi ancora essere presente nel 2017 in Liguria.

Si tratta di una specie non indigena (Nis), che si adatta e si riproduce in qualsiasi contesto naturale, anche se non nel suo luogo di origine. Attualmente nel Mediterraneo vi sono 837 (Nis), il 5% della biodiversità totale (20% per i pesci): una ricchezza specifica 10 volte superiore alla media. Il sistema di osservazione Specie Marine Aliene è finalizzato alle attività di osservazione, monitoraggio e per valutare la presenza e l’impatto nel Mediterraneo.

Condividere e segnalare tale informazione, ricade negli obblighi a condividere dati ed informazioni utili per esperti e addetti ai lavori che si occupano della tematica a supporto di attività istituzionali per preservare la biodiversità dei mari da invasioni biologiche di organismi bentonici che possono richiedere azioni mirate per il contenimento.

LEGGI ANCHE:

“I Parchi Marini calabresi come motore di sviluppo”: successo a Praia a Mare

Aree protette quali chiavi per il progresso dell’intera regione. Questo è il messaggio chiave emerso dal panel "I Parchi Marini Calabria: un contributo allo...

Philene chiede chiarezza sui danni ambientali e sanitari a seguito dell’incendio “Poly2Oil” a Palmi

"A seguito dell'incendio "Poly2Oil" a Palmi, Associazione Phîlene esprime, a nome della cittadinanza tutta, forti preoccupazioni sui danni ambientali e alla salute provocati dal...

Inquinamento marino, Arpacal prosegue con le analisi

Anche quest'anno quello del mare inquinato è il tema più discusso dell'estate. Le criticità, purtroppo, non mancano lungo le coste calabresi. Arpacal e la...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img

ARTICOLI CORRELATI