lunedì, 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
spot_imgspot_img
spot_img

Pina Picierno (Pd): la militanza è un valore

La vice presidente del Parlamento europeo favorevole ai candidati della società civile ma bisogna trovare il giusto equilibrio. E, poi, «Draghi ai vertici europei è una speranza per il nostro Paese». Secco no al progetto di Autonomia differenziata, un «compromesso pericoloso»

spot_imgspot_img
spot_img

«Non si può pensare di essere competitivi solo con i candidati espressione della società civile». Parola di Pina Picierno, vicepresidente del Parlamento europeo e in corsa alle prossime consultazioni per la riconferma del seggio di Strasburgo. Per l’esponente del Pd la politica deve essere vissuta «come impegno nel quotidiano, all’interno del partito e fuori da esso», perché la «militanza è un valore non un disvalore». Porta il suo esempio, quello di una ragazzina di periferia che «può diventare vicepresidente del Parlamento europeo», grazie alla militanza. Per lei il partito è vita. Quel partito che «arrivava nei territori e selezionava la classe dirigente, la formava. La militanza dobbiamo tenercela stretta e ringraziare chi la fa». Militanza come «elemento di ricchezza», per dire di essere favorevole ai candidati espressione della società civile a patto che si trovi il giusto equilibrio tra questi e chi invece il partito lo vive come un impegno quotidiano.

A Vibo Valentia, dove giunge per sostenere il candidato del centrosinistra, Enzo Romeo, tra un tour in città e un incontro con la stampa, si parla anche dell’Europa. Si parla della possibilità che venga fuori il nome dell’ex presidente del consiglio alla guida della massima istituzione. «Draghi tra i futuri leader europei rappresenta una occasione e una speranza per il nostro Paese». L’idea è quella che si possa realizzare una maggioranza socialista in Europa dove far pesare «il nostro contributo di idee». É il pensiero non può non andare al ricordo di David Sassoli, un politico che nell’assemblea di Strasburgo ha lasciato un segno indelebile. Il ricordo di Sassoli per Pina Picierno è anche momento di commozione, senza provare a nasconderla.

Non solo Europa, ma anche Italia, e quella proposta che lei non esita a definire «pericolosa». L’Autonomia differenziata che per Pina Picierno «non è percepita dai cittadini nella sua pericolosità. Il decreto legge Calderoli, per realizzare la secessione, è lo scambio che la Meloni realizza sulla pelle e sul futuro del Mezzogiorno». L’Autonomia differenziata, per Pina Picierno, non è «il tentativo di ripensare al rapporto tra lo stato centrale e il regionalismo». É altro; «è qualcosa di pericoloso». La risposta ai problemi del Mezzogiorno deve essere di ben altra natura. «É a questo che serve la politica, ma per farla bene servono competenze, idee, anni di militanza».

LEGGI ANCHE:

Governance Poll: Arruzzolo, bene Occhiuto, impegno paga sempre

“Il gradimento del governatore Roberto Occhiuto dal giorno della sua elezione è costantemente cresciuto: cosa assai rara e mai accaduta in Calabria. Un chiaro...

Palmi, Incendio “Poly2Oil”, l’ex sindaco Alessio: “Disastro ambientale di vaste proporzioni”

"Un disastro ambientale di vaste proporzioni, come quello sviluppatosi in questi giorni a seguito dell’incendio (doloso?) dei rifiuti differenziati della Poly2Oil srl, sita in...

Vibo, varata la Giunta, ecco chi entrerà in Consiglio con gli scorrimenti

La nuova Giunta comunale varata sarà presentata domattina in un'apposita conferenza stampa, che si terrà in Municipio. Le nomine dei nuovi assessori hanno...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img

ARTICOLI CORRELATI