lunedì, 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
spot_imgspot_img
spot_img

Vibo Valentia controlla l’emissione di campi elettromagnetici

Il comune installa le centraline per la registrazione dei dati. Per il sindaco Maria Limardo e per l'assessore all'Ambiente, Vincenzo Bruni, «oggi la città scrive una pagina di storia importante a garanzia della salute della comunità»

spot_imgspot_img
spot_img

Vibo Valentia, il Comune è il primo in Italia a dotarsi di centraline di monitoraggio per l’inquinamento elettromagnetico. Un progetto voluto dall’amministrazione guidata da Maria Limardo e dall’assessore all’Ambiente, Vincenzo Bruni. Oggi la presentazione e l’installazione delle apparecchiature, attivazione di un progetto che si realizza dieci anni dopo l’approvazione dell’apposito regolamento comunale, proposto dall’allora consigliere Giuseppe Garbardella, scomparso prematuramente, è noto all’opinione pubblica come “regolamento Gambardella.

Oggi, si è detto, la presentazione di un progetto con il quale, per dirla con le parole del sindaco Limardo, «si scrive una pagina della storia di Vibo Valentia, si porta a compimento un’installazione fortemente voluta da questa amministrazione e, dall’assessore Bruni». La Limardo ricorda i casi di decesso che preoccupano fortemente la popolazione ed è per questo che porta a compimento un progetto in grado di monitorare costantemente i campi elettromagnetici. Un aspetto «fino ad ora trascurato. Noi abbiamo acquisito consapevolezza di questo problema e faremo tutto quanto c’è da fare per monitorare le emissioni e per tranquillizzare l’opinione pubblica. Il Comune – la chiosa di Maria Limardo – monitora e vigila sull’emissione di cambi elettromagnetici, perché la salute dei cittadini è quel qualcosa che sta a cuore all’amministrazione che ho l’onore di guidare».

Di importante traguardo parla anche l’assessore Bruni, che ricorda, con orgoglio, il fatto che Vibo Valentia è «uno dei pochi comuni ad avere attuato questo servizio. Diamo seguito al protocollo Gambardella che è rimasto lettera morta e così riusciamo a dare un ulteriore servizio ai cittadini. Questo era uno dei programmi elettorali del sindaco ed è importante perché da oggi disponiamo di dati statistici sul monitoraggio ambientale».

Di importante traguardo parla anche la direttrice provinciale Arpacal, Domenica Ventrice, che sottolinea l’importanza della sinergica collaborazione tra l’Agenzia e il comune di Vibo Valentia. Anche lei rimarca con orgoglio il fatto che Vibo Valentia è il primo comune in Calabria e tra i pochi in Italia ad aver acquistato e installato queste centraline.

Apparecchiature che monitorano attraverso una centralina che percepisce tutti i tipi di segnale e il loro indice di emissione, per assicurare un controllo accurato su un aspetto, quello dei campi elettromagnetici, che ha sempre destato preoccupazione nell’opinione pubblica.

LEGGI ANCHE:

Vibo, emergenza idrica nella frazione Piscopio

"Da 10 giorni la parte bassa della frazione di Piscopio, che conta  200 residenti circa, si trova senza acqua. È vero, la carenza idrica...

IC Crosia, Tavernise (M5S): “Grande soddisfazione”

"Un risultato di cui andare fieri come comunità, quello raggiunto dall'Istituto comprensivo di Crosia, primo in Italia, su 1306 istituti partecipanti, alla richiesta di...

Garante salute richiede tavolo di concertazione per emergenza nube tossica in seguito ad incendio sviluppatosi nel sito Poly2Oil

"Premesso che in data 13 luglio un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato all’interno diun piazzale di stoccaggio di materiale plastico in contrada...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img

ARTICOLI CORRELATI