lunedì, 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
spot_imgspot_img
spot_img

Vinitaly, degustazione “post fiera” con i prodotti calabresi

Organizzata dal Consorzio Doc Bivongi, giornalisti, sommelier e addetti ai lavori si sono ritrovati alla degustazione in piazza delle Erbe

spot_imgspot_img
spot_img

Il post fiera al Vinitaly, è stata una festa in grande stile. Organizzata dal Consorzio Doc Bivongi, giornalisti, sommelier e addetti ai lavori si sono ritrovati alla degustazione in piazza delle Erbe, a Casa Mazzante, nel centro di Verona, per celebrare e continuare a discutere dei vini del territorio. “Tra Mediterraneo e mito”, il clima azzeccato, scelto dal Consorzio. Il presidente, Adele Lavorata, ha accolto gli invitati insieme agli altri consorziati. L’obiettivo? La promozione, l’approfondimento, la sperimentazione e la ricerca che ruotano attorno all’evento fieristico principale ma che, al di fuori di esso, riescono a coinvolgere anche un pubblico diverso. Variegato e ampio.

Tra le realtà maggiormente in ascesa per qualità e presenza sul mercato del “Made in Calabria”, quello estero in particolare, vi è la Doc di Bivongi la cui produzione si concentra sul versante orientale delle Serre, nel territorio tra la vallata dello Stilaro e la costa ionica ricompreso tra i comuni di Bivongi, Camini, Caulonia, Monasterace, Pazzano, Placanica, Riace, Stignano e Stilo, in provincia di Reggio Calabria, e Guardavalle in provincia di Catanzaro.

Qui dove il vino cresce “lungo i filari del mito”, si punta tutto sulle produzioni autoctone di Gaglioppo, Greco nero, Nocera, Calabrese e Castiglione, per i vini rossi e rosati, e Greco Bianco, Guardavalle e Ansonica per il Bivongi bianco. Da disciplinare, la resa per ettaro nella Doc non può superare le 13 tonnellate per il bianco e le 12 per il rosso e il rosato.

“Per promuovere il marchio e sostenere la crescita è nato, nel 2018, il Consorzio tutela e valorizzazione delle viti e del vino Doc Bivongi che da allora si occupa, in maniera sistematica della promozione e valorizzazione del prodotto, oltre che dell’informazione del consumatore e della cura degli interessi generali relativi alla denominazione”, fa sapere la presidente. “L’idea portante del Consorzio è oggi quella di raccontare soprattutto un territorio, quello che ruota attorno all’antica Kaulon in cui il vino vive da sempre in un connubio unico tra territorio e popolazione, che è uscito dalla nicchia e si appresta a giocare un ruolo da protagonista nella produzione vitivinicola regionale”.

LEGGI ANCHE:

Vibo, emergenza idrica nella frazione Piscopio

"Da 10 giorni la parte bassa della frazione di Piscopio, che conta  200 residenti circa, si trova senza acqua. È vero, la carenza idrica...

IC Crosia, Tavernise (M5S): “Grande soddisfazione”

"Un risultato di cui andare fieri come comunità, quello raggiunto dall'Istituto comprensivo di Crosia, primo in Italia, su 1306 istituti partecipanti, alla richiesta di...

Garante salute richiede tavolo di concertazione per emergenza nube tossica in seguito ad incendio sviluppatosi nel sito Poly2Oil

"Premesso che in data 13 luglio un incendio di vaste proporzioni si è sviluppato all’interno diun piazzale di stoccaggio di materiale plastico in contrada...
spot_imgspot_img
Gli articoli della sezione

SEGUICI

spot_img
spot_imgspot_img

ULTIMI ARTICOLI

spot_img

ARTICOLI CORRELATI